Il gioiello

di Michele Martino · 6 Maggio 2019

Che cos’è un gioiello? E’ un monile? E’ un valore? E’ un’emozione?
Il gioiello è un insieme di tutti questi aspetti ed è per questo che le donne ed anche gli uomini hanno sempre avuto il piacere di ornare il proprio corpo.
Indescrivibile è la varietà delle materie impiegate nel corso del tempo. Siamo passati dal ferro alle piume, dal bronzo all’acciaio, dal legno al caucciù ai metalli preziosi quali l’argento, l’oro e il platino.
Ma ciò che dà vita ad un gioiello è certamente la luminosità delle pietre preziose i cui colori, gioco di luci, dimensioni, forme, durezza e rarità hanno un fascino misterioso. Tutte le epoche hanno ostentato le gemme come simboli di potere e ricchezza. Basti pensare alle corone, ai tesori alle vesti riccamente guarnite ma oggi fortunatamente, non sono più simboli di potere o di appartenenza ma tutti noi possiamo apprezzarle o indossarle.
Ed è per questo che vorrei iniziare una serie di articoli in cui mi soffermerò ad analizzare e descrivere le pietre.
Innanzitutto bisogna dire che esistono gemme di natura organica, inorganica e gemme sintetiche.
Le gemme di natura organica derivano da piante e animali. Pensiamo alle perle, al corallo e all’ambra.
Le gemme, ossia i minerali di interesse gemmologico perché belle, rare e durevoli si trovano nelle rocce. Il diamante, il rubino, lo zaffiro e lo smeraldo sono le pietre preziose, l’ametista, l’acquamarina e tante altre sono le cosiddette semipreziose.
Infine le gemme sintetiche sono quelle che si realizzano in laboratorio.

Ed è con la perla che inizierò il ciclo di articoli descrivendole e inserendo leggende e tradizione.

Contatta l'Autore

Michele Martino

Martino Gioielleria
Contatta l'autore