Isole a tutti i costi

di Federica Berchicci · 2 Novembre 2018

Una delle richieste più frequenti che riceviamo da chi intende acquistare una cucina è la possibilità di realizzare un’isola o una penisola all’interno del proprio ambiente. Le isole e le penisole, piacciono e ci piacciono moltissimo, perché moderne, versatili e conviviali. Talvolta sono la soluzione ideale per l’organizzazione della zona giorno delle abitazioni di nuova concezione, in cui cucina e soggiorno costituiscono un unico ambiente e risultano perciò essere una comunicazione perfetta tra li living e cucina. Quando invece gli spazi non lo consentono rischiano di essere una forzatura, penalizzando passaggi e funzionalità. Perché una cucina con isola o penisola funzioni, è necessario che lo spazio per i passaggi sia di almeno un metro. Se ci piace l’idea di porvi fuochi e lavello ,sarebbe opportuno pensare ad un piano d’appoggio tra questi e porvi anche una torretta elettrica ,così da poter utilizzare piccoli elettrodomestici. Privilegerei sempre questa soluzione, piuttosto che la collocazione di uno solo dei due sul bancone e dell’altro sulla parete, in quanto quest’ultima può risultare meno pratica. Quindi se gli spazi non lo permettono, non ostiniamoci a desiderare un’isola o una penisola, ma optiamo per una soluzione tradizionale, forse meno di tendenza, ma comoda e funzionale, puntando magari sulla scelta delle finiture e dei materiali ,in modo da renderla elegante e fonderla e confonderla con il nostro living. In ogni caso la progettazione di una cucina “perfetta” è tale, quando tracciando un’ideale linea di congiunzione tra le tre aree operative (lavaggio, cottura e conservazione), otteniamo un triangolo.

Contatta l'Autore

Federica Berchicci

Arlem Design
Contatta l'autore