Perché ho il desiderio di migliorare…

di Nicola Montuori · 26 Settembre 2018

Sono mesi che mi chiedo: “Quando comincerà Termoli Doc, quale sarà il mio primo articolo?” Mi sono detto decine di volte che ho tutte le carte in regola: per la miseria sono editore di ben cinque portali di informazione locale, ho il tesserino da giornalista, seguo la formazione obbligatoria altrimenti addio iscrizione all’Albo! Ne ho lette di ogni, amato e odiato tanti blogger, piuttosto invidiato perché vedo in loro ciò che a me è mancato per tanto tempo…oggi finalmente comincio e lo faccio mandando al diavolo l’ennesimo articolo di un ragazzetto molto più giovane di me, ma anziano del blog: lui scrive dal 2010, io invece sono maturo essendo nato nel ’60. Ma oggi è un giorno particolare, sono passate da poco le 17, mi sono arrovellato il fegato fino a pochi minuti fa, l’ennesimo pdf che mi racconta cose con le quali ci sbatto il muso ogni giorno e soluzioni che centinaia di volte ho adottato nella mia vita, anche ieri mattina. Allora che aspetti? La musica! Sì, l’ascolto mentre scrivo il mio primo articolo del mio primo blog, ci voleva una canzone che non mi distraesse, per fortuna ce l’avevo in mente altrimenti avrei avuto un’altra scusa per rimandare: the xx – intro 4 hour edit, di 4 ore, ma mica ci metterò tanto a scrivere?

Eccomi qua, sono pronto, comincia la mia personalissima sfida con me stesso e con l’universo. Non con i miei lettori che a oggi risultano essere pochi ma che tra un anno saranno migliaia (?), perché a loro, dal primo all’ultimo, voglio dare qualcosa di buono, almeno, se non di più, quello che riceverò io dallo scrivere.

Lo ammetto con un pizzico di presunzione, dai miei 36 anni di esperienza nel settore, sono un tantino esperto nel mio campo (lo leggi nella categoria riportata sopra al titolo di questo articolo) e mi rivolgo a tutti i miei amici e conoscenti, ma anche a tutti coloro che rientrano nella categoria degli imprenditori.

Chi sono gli imprenditori? Dall’enciclopedia Treccani, Imprenditore è chi esercita professionalmente un’attività economica organizzata, di carattere industriale, agricolo o commerciale, al fine della produzione o dello scambio di beni o di servizi; in senso più ampio, chi, persona fisica o società, gestisce un’impresa.

Il commerciante è un imprenditore, il professionista è un imprenditore, anche l’artigiano lo è, come lo sono l’agricoltore e l’industriale o il cantante e l’attore: ognuna di queste figure ha il diritto di essere chiamato imprenditore. E se ci pensi un attimo, in ogni essere umano ci sono delle mansioni che lo fanno rientrare nella categoria degli imprenditori. ..

La casalinga non gestisce un’impresa chiamata casa? E al capo famiglia perché gli hanno dato questo nome, non è anche lui (o lei) chiamato a gestire l’impresa che si chiama famiglia?

Mi rivolgo ai piccoli imprenditori e ai professionisti, quelli che ogni giorno alzano la saracinesca della propria attività commerciale o infilano la chiave nella porta d’ingresso del loro studio.

E lo farò con un unico scopo: quello di migliorarci, perché anch’io sono un piccolo imprenditore e ho il desiderio di migliorare.

Contatta l'Autore

Nicola Montuori

Mediacomm
Contatta l'autore